Skip to main content

You are missing some Flash content that should appear here! Perhaps your browser cannot display it, or maybe it did not initialize correctly.

Il Nostro Impianto

New Energy Power S.r.l. ha la titolarità del brevetto dell’impianto di recupero delle batterie esauste al piombo concepito e inventato dal Dott. Demetrio Saraceno, registrato in Europa e nei paesi India, Cina e Federazione Russa.

L'impianto, considerato di Prima generazione, fu costruito nel 2006, in collaborazione con la società Engitec Technologies che ha aiutato nella costruzione dell'impianto da noi brevettato. Su tale impianto furono poi riscontrati alcuni difetti di ingombro e usabilità, tali da indurci a considerarlo più un'installazione fissa con una produzione oraria di 3,5 Tonnellate di batterie e non come semovente.

Le esperienze del primo impianto unite alla crescita ingegneristica dell'azienda costituirono l’occasione per apportare miglioramenti, sino alla realizzazione, un anno dopo, dell'impianto di Seconda generazione. In base all'obiettivo della 'movimentabilità', questo secondo tipo d’impianto fu creato su due semirimorchi studiati e costruiti adattandoli alla forma strutturale dell’impianto stesso, migliorandone la compattezza e la flessibilità nella movimentazione, lo spazio di operatività, la rumorosità e, non ultimo, portando la produzione a 5 Tonnellate/ora.

Impianto di Prima generazione mobile montato fisso

Impianti mobili di Seconda generazione

Successivamente, nel 2008, si è pervenuti all'impianto di Terza generazione, attualmente ubicato nello stabilimento New Energy Power di Villanova d'Asti. L’ingegneria apportata su di esso è frutto di costanti collaudi pratici e di conseguenti modifiche teorico/ingegneristiche.
 
L’impianto è diventato più compatto dei precedenti, sono state ridotte tutte le parti soggette a maggiore usura e manutenzione, aumentando la produzione oraria a circa 10 Tonnellate/ora.
 
L’impianto è stato concepito direttamente dall'utilizzatore per trattare 1.600 Tonnellate di batterie esauste in un mese, su un turno di 8 ore, ed è stato ideato come uno strumento idoneo a trasformare i prodotti estratti dalla batteria esausta in materia prima.

L'impianto di Terza generazione non si limita, infatti, al solo scassettamento, ma realizza un nuovo concetto: il recupero e la valorizzazione dei diversi componenti della batteria, avviando i sottoprodotti ottenuti esclusivamente e direttamente agli impianti di rigenerazione per la produzione del piombo, della plastica e dell’acido solforico.

Il tutto senza che gli impianti di rigenerazione, che ricevono le materie prime seconde recuperate, eseguano nessun tipo di pretrattamento, così da utilizzare i prodotti direttamente nel ciclo produttivo di ciascuna tipologia di rifiuto.

POSSIAMO AFFERMARE OGGI DI AVER OTTENUTO UN IMPIANTO DI QUALITA’ SUPERIORE ED UNICO AL MONDO, studiato per servire aziende come la nostra, realizzato per trattare TUTTE le BATTERIE AL PIOMBO, mantenendo costanti i costi di gestione, produzione e la qualità dei prodotti.

Ciò è stato possibile grazie al fatto che l’impianto non è nato per essere commercializzato, bensì è stato progettato, costruito e testato da un operatore con conoscenza diretta delle problematiche della raccolta delle batterie esauste e di quanto connesso all’attività di recupero delle stesse. È stato realizzato per soddisfare le esigenze ed il fabbisogno dell’azienda per questo trattamento.

 
 
 

Produzione Impianti